Il luogo dei fatti e dei commenti

NASCITE/ Calo 2020 contenuto. Auguri ai nuovi arrivati del '21

Varese, 1 Gennaio 2021. L'ultimo vagito del 2020 e il primo del 2021 sono stati all'Ospedale Del Ponte di Varese. Muhammad di origine pakistana ha visto la luce alle 23.53 del 31 dicembre mentre la prima nata del nuovo anno è Ginevra Curci di Valganna nata alle h 0.13. Mentre a Cittiglio non si sono registrati parti, a Tradate l'ultimo nato del 2020, il piccolo Ayaan di origine tunisina ha visto la luce alle 12,23 del 31 dicembre mentre il primo nato del 2021 alle h. 6.43 di stamattina è Pietro, un bel maschietto la cui famiglia risiede a Gallarate.
In totale, nel 2020, i nati nei tre punti nascita della ASST dei Sette Laghi sono stati 3831, sole 84 unità in meno delle 3915 del 2019 rispetto ad una media nazionale in calo del 3% secondo le proiezioni Istat e una diminuzione delle nascite in Lombardia ancora più pronunciata. La percentuale dei nuovi nati da entrambi genitori di origine straniera si mantiene stabile intorno al 20%. Da segnalare il significativo aumento dei nati (+10%) all'Ospedale di Tradate anche a seguito della completa ristrutturazione del reparto.
"In un quadro nazionale di ulteriore grave flessione del numero di nuovi nati - sottolinea il Prof Massimo Agosti, Direttore del Dipartimento Materno Infantile dell'ASST Sette Laghi - siamo molto felici che i dati complessivi della nostra azienda sanitaria siano improntati alla tenuta. I punti nascita periferici hanno saputo fare rete con le capacità di cura specialistica dell'Ospedale Del Ponte garantendo un risultato qualitativo prima che numerico importante".
"Riuscire a conciliare la sicurezza della mamma e del nascituro da un lato e la naturalità del parto dall'altro è stato il nostro impegno primario durante l'anno trascorso". Così commenta i dati il professor Fabio Ghezzi, Direttore della Rete Integrata materno-infantile. "Questo risultato è stato possibile - prosegue Ghezzi - grazie al lavoro di squadra e alla buona volontà delle molte persone che lavorano nei nostri punti nascita".